Rispondi a: MY GOLF: Diario di Aquila80

Home Page Forum di golf My Golf Il tuo diario blog sul golf MY GOLF: Diario di Aquila80 Rispondi a: MY GOLF: Diario di Aquila80

#8188
Aquila80Aquila80
Partecipante
  • Offline
    • Messaggi:492
    • Eagle
    Punti: 1.085

12/10/2016

Lunedì ho partecipato ad una gara organizzata dalla golf academy del mio maestro allo splendido campo dell’Olgiata. Prima esperienza su questo tracciato fantastico, non a caso inserito come unico campo italiano da Golf Digest tra i 100 campi più belli del mondo del 2016, seppure ultimo tra i 100.

Tee time alle 11:10, gioco con un mio amico e una coppia sulla 70na. Arrivo con un buon anticipo per girare un minimo il circolo e fare un buon riscaldamento, e alle 11:05 siamo sul tee. Ci accoglie Piero Sabellico, fondatore dell’academy, che ci fa partire dalla 1 invece che dalla 10 come previsto, spiegandoci con molta affabilità la prima buca e le regole locali.

L’inizio non è dei migliori, un bel driver incoccia sulla fronda più alta di un albero a destra del fairway e finisce sulla stradina laterale. Il campo è un tree lined, e gli alberi sono davvero maestosi. Il tutto per dire che prendere gli alberi sarà il filo conduttore della giornata, e non solo della nostra credo, il rumore delle palline contro gli alberi echeggia per tutto il campo.

Non sto a sottolineare il gioco perchè non è stato esaltante, il campo è davvero tosto per il mio livello, al punto che il playing hcp è ben 8 colpi più alto del mio hcp. Il putt però gira insolitamente bene, nonostante green molto più veloci di quelli a cui sono abituato. Chiudo le prime nove segnando due par, il primo alla 6, buca che nella configurazione par 73 diventa un corto par 5 (437 m), il secondo due buche dopo, in un par 4 da 332 m. Finiamo le prime nove in quasi tre ore (…) a causa delle tante palline da cercare, ed i nostri compagni di gioco avevano anche il cart…

Iniziamo male le seconde, a causa di tre giocatori che ci tallonano ad ogni buca ma non ci passano, essendo loro fuori gara. Evidentemente avendo cambiato tee di partenza siamo diventati l’ultimo flight tra quelli partiti dalla 1, ed ora abbiamo dietro questi tre che non mettono tranquillità. Faccio comunque un altro par alla 11, altro par 5 corto, poi subentra anche la stanchezza. Alla fine l’orologio dice che abbiamo giocato per 5 ore e 30, percorrendo quasi 13 km… I punti segnati sono in totale 27 (33 per l’hcp), neanche malissimo considerando il tipo di percorso.

Che dire, esperienza fantastica in un campo stupendo. Sono convinto che farà una figura meravigliosa il prossimo anno ospitando l’open.

Quanto al gioco mi prendo di buono il putt e l’ibrido con cui sto iniziando a fare amicizia, meno bene la resistenza, nelle ultime buche non ce la facevo più a ruotare e uscivano tiri quasi imbarazzanti.