My Golf: Il diario di TST75 (Wolf75)

Home Page Forum di golf My Golf Il tuo diario blog sul golf My Golf: Il diario di TST75 (Wolf75)

Questo argomento contiene 39 risposte, ha 6 partecipanti, ed è stato aggiornato da TST75 TST75 3 settimane, 6 giorni fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 16 a 30 (di 40 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #30688
    Pjegou
    Pjegou
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:294
      • Par
      Punti: 1.020

    Forse un shank più che un gancio.
    Mi succede se sono troppo vicino alla palla e tocco il shaft anzichè la faccia del bastone

    #30689
    TST75
    TST75
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:89
      • Double bogey
      Punti: 250

    Io son mancino e la traiettoria della palla quando mi fa questa curva più o meno accentuata (a volte gira a destra anche per 30-40m riducendo così di molto anche la lunghezza del colpo, oltre a posizionarsi in zone molto difficili per il colpo successivo) va da sinistra a destra, coprendo distanze di circa 150-160m complessive con il legno 3. Non rimane traccia sul terreno del passaggio del bastone.

    Potrei aver individuato la problematica nel grip e nello stare ad una distanza errata dalla palla. Ma sabato proverò con un po’ di palle in campo pratica e valuterò

    #30696
    TST75
    TST75
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:89
      • Double bogey
      Punti: 250

    Credo che quello che tu chiami slice (come sarebbe giusto per un giocatore destro) per te in realtà sia un gancio. Gli approcci con il sand sono i più difficili, meglio evitarli quando possibile, prova ad allenarti a fare approcci con F8 o F9, e vedrai…

    Ho trovato in internet la regola del 12 per fare gli approcci e scegliere il bastone più adeguato. La conosci?

     

    In breve consiglia di far atterrare la palla a inizio green e farla rotolare da lì fino alla buca. Valutare la distanza del volo e la distanza del rotolo. Calcolare la divisione tra le due quantità e sottrarre tale valore da 12. Il risultato indicherà quale bastone è migliore per far l’approccio, partendo da 11 che è il sand e arrivando a 6 che indica il ferro 6, diminuendo di uno ad ogni bastone considerando sand, pitch, F9,F8,F7 e F6.

    Qualcuno di voi lo usa? Funziona?

    Io non ho mai provato, perchè ripeto, ho sempre usato il sand per far qualunque tipo di approccio dai 70m in giù.

    Ma penso che forse potrebbe aiutarmi ad essere più preciso e quindi chiudere con uno score migliore, visto anche la mia discreta sensibilità negli approcci.

     

     

     

    #30697
    Alby
    Alby
    Moderatore
    • Offline
      • Messaggi:1187
      • HoG D.O.P.
      Punti: 2.810

    No, io appplico la regola: Putt when you can, chip if you can’t putt, and pitch only if you have to

    :)

    Ma qui è melgio lasciare la parola ai pro (Dunlop?)

    • Questa risposta è stata modificata 2 mesi, 3 settimane fa da Alby Alby.
    #30735
    Dunlop54
    Dunlop54
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:410
      • Eagle
      Punti: 1.180

    Alby ha scritto:

    No, io appplico la regola: Putt when you can, chip if you can’t putt, and pitch only if you have to

    Ma qui è melgio lasciare la parola ai pro (Dunlop?)

    Sì, Alby, hai ragione. E’ sempre meglio far rotolare la palla piuttosto che farla volare. Questo perché comporta uno swing molto più ridotto e, di conseguenza, un minor margine di errore. Non fate caso ai Pro che vedete giocare in televisione. Loro usano quasi sempre il sand perché lo sanno usare in “tutte le salse”: alto, basso, con o senza backspin. Imparare, quindi, ad usare bastoni differenti per ottenere colpi e distanze differenti è, secondo me, un’arma in più da mettere in sacca. Per acquisire dimestichezza e sensibilità potete provare ad allenarvi giocando allo stesso bersaglio con bastoni diversi e a bersagli diversi con lo stesso bastone. Questo dovrebbe riuscire a farvi memorizzare il bastone più adatto e a visualizzare il colpo.

    Ciao TST75. La regola del 12 potrebbe essere un buon metodo da cui partire ma, secondo me, non esiste una regola che vada bene per tutti. Ognuno deve crearsi la sua esperienza in base anche alle proprie sensazioni. Ogni regola è puramente indicativa e non è detto che il bastone indicato per quella data distanza sia esattamente quello che vada bene per il giocatore anche perché i fattori che possono intervenire sono molti: salita, discesa, pendenze trasversali, altezza taglio, terreno duro o bagnato, vento, ecc. ecc. E’, comunque, un modo come un altro per avere un’idea su cui costruire il proprio gioco.

    Questo ti potrebbe aiutare:

    Per quanto riguarda, invece, il tuo problemino con il legno 3:

    :ciao:

    • Questa risposta è stata modificata 2 mesi, 2 settimane fa da Dunlop54 Roberto Russo.
    #30739
    ELFRER
    ELFRER
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:751
      • HoG D.O.P.
      Punti: 2.480

    salve TST75.
    quel figlio di buona donna di Dunlop (mastro Dunlop , so che Lei coglie l’ironia ) ti sta dicendo che se anche
    hai imparato tutte le posizione del kamasutra studiando a fondo il fondamentale testo , se non passi
    per le mani di una Bocca di Rosa , continuerai malamente a farti le pippe con un legno 3.
    P.S. mastro Dunlop , Le serve una maitresse ? pardon , oggi si dice “public relations man”.
    P.S.2 vendere è come radersi , se non lo fai tutti i giorni diventi un barbone. (anonimo).
    P.S.3. chiedo scusa a tutti per l’intemperanza, ma ho saputo che domani sarà una giornata di sole.
    meglio dell’LSD , del viagra , di una canna.la vecchiezza agogna la luce.
    notte.

    #30746
    TST75
    TST75
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:89
      • Double bogey
      Punti: 250

    Alby ha scritto:

    No, io appplico la regola: Putt when you can, chip if you can’t putt, and pitch only if you have to Ma qui è melgio lasciare la parola ai pro (Dunlop?)

    Sì, Alby, hai ragione. E’ sempre meglio far rotolare la palla piuttosto che farla volare. Questo perché comporta uno swing molto più ridotto e, di conseguenza, un minor margine di errore. Non fate caso ai Pro che vedete giocare in televisione. Loro usano quasi sempre il sand perché lo sanno usare in “tutte le salse”: alto, basso, con o senza backspin. Imparare, quindi, ad usare bastoni differenti per ottenere colpi e distanze differenti è, secondo me, un’arma in più da mettere in sacca. Per acquisire dimestichezza e sensibilità potete provare ad allenarvi giocando allo stesso bersaglio con bastoni diversi e a bersagli diversi con lo stesso bastone. Questo dovrebbe riuscire a farvi memorizzare il bastone più adatto e a visualizzare il colpo. Ciao TST75. La regola del 12 potrebbe essere un buon metodo da cui partire ma, secondo me, non esiste una regola che vada bene per tutti. Ognuno deve crearsi la sua esperienza in base anche alle proprie sensazioni. Ogni regola è puramente indicativa e non è detto che il bastone indicato per quella data distanza sia esattamente quello che vada bene per il giocatore anche perché i fattori che possono intervenire sono molti: salita, discesa, pendenze trasversali, altezza taglio, terreno duro o bagnato, vento, ecc. ecc. E’, comunque, un modo come un altro per avere un’idea su cui costruire il proprio gioco. Questo ti potrebbe aiutare: Per quanto riguarda, invece, il tuo problemino con il legno 3: :ciao:

     

    Dunlop Grazie per la dritta. E’ un piacere rileggerci.

    Il discorso sugli approcci per me è sempre stato un punto di forza (senza troppa modestia) son sempre riuscito, con l’istinto e la sensibilità a usare il sand per TUTTI gli approcci dai 100m in giù con discreti risultati perchè con le lezioni non mi era stato indicato di far diversamente. Quindi avevo imparato a dosare la forza con molta fatica e nel corso degli anni.

    La mia perplessità è nata dal fatto che spesso arrivo nei pressi del green e ho tanto green da correre e con il sand spesso rimango corto pur facendo un movimento corretto. E leggendo anche qui altri diari e opinioni di chi gioca molto meglio di me (tutti praticamente) mi è venuto da chiedermi se non fosse il caso di provare a cambiare, migliorando così lo score, chissà! Per certo so che dovrò passare per le solite forche caudine quando si cambia qualcosa. Per cui un iniziale periodo di assestamento non porterà molti risultati in termini di score.

    Grazie.

    Per il legno 3, è davvero una cosa che non riesco a capire, visto che alcune volte va dritto come un missile e altre prende questo talgio a destra (che peraltro in alcuni casi vorrei riprodurre volontariamente, ma non sapendo come è penalizzante).

    Il drive è un altro pianeta misterioso al momento…..anche se ho notato che dopo aver giocato molte buche usando il legno 3, se tiro il drive va decisamente bene.

    Forse e dico forse tra 7-8 vite imparerò a giocare a golf! :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

     

     

     

     

     

     

    #30747
    TST75
    TST75
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:89
      • Double bogey
      Punti: 250

    salve TST75. quel figlio di buona donna di Dunlop (mastro Dunlop , so che Lei coglie l’ironia ) ti sta dicendo che se anche hai imparato tutte le posizione del kamasutra studiando a fondo il fondamentale testo , se non passi per le mani di una Bocca di Rosa , continuerai malamente a farti le pippe con un legno 3. P.S. mastro Dunlop , Le serve una maitresse ? pardon , oggi si dice “public relations man”. P.S.2 vendere è come radersi , se non lo fai tutti i giorni diventi un barbone. (anonimo). P.S.3. chiedo scusa a tutti per l’intemperanza, ma ho saputo che domani sarà una giornata di sole. meglio dell’LSD , del viagra , di una canna.la vecchiezza agogna la luce. notte.

     

    Bocca di Rosa è una terapeuta fantastica e l’ho già incontrata e mi ha anche dato le indicazioni corrette. La questione è sempre la stessa: riuscire a metterle in pratica e farle diventare automatiche.

    Finlmente sole e noi si sta chiusi in ufficio….. :fumo: :fumo: :fumo:

    #30751
    Dunlop54
    Dunlop54
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:410
      • Eagle
      Punti: 1.180

    Ciao TST75. E’ un piacere rileggerti anche per me.

    Trovo strano che ti abbiano consigliato di giocare solo il sand dai 100 metri in giù. Io, di solito, faccio il contrario. Prima spiego all’allievo che ci sono due modi di approcciare: chipping (- volo + rotolo) e pitching (+ volo – rotolo). Dopo aver spiegato quando e perché potrebbe essere più vantaggioso usare uno piuttosto che l’altro, generalmente comincio ad insegnare il primo (chipping) perché, a mio avviso, più semplice e redditizio per poi passare al secondo (pitching). Ricordati, comunque, che per il gioco corto è fondamentale la pratica per riuscire a memorizzare tecnica e sensazioni che sono fondamentali per affinare la sensibilità e la visualizzazione del colpo. Proprio per questo i grandi giocatori di gioco corto hanno sviluppato una notevole “fantasia” nell’individuare il colpo da eseguire per togliersi dalle situazioni più disparate.

    Per quanto riguarda, invece, il tuo problema con il legno 3 ti ho “invitato” a prendere una lezione perché non vedendoti giocare di persona non posso darti una soluzione certa. Quello che posso sicuramente dirti è che la palla gira verso destra perché la faccia del bastone all’impatto è chiusa (nel tuo caso punta verso destra perché sei mancino) rispetto alla traiettoria del bastone. Questa immagine ti può aiutare a capire:

    Per te che sei mancino è, ovviamente, il contrario (prova a guardarla allo specchio). Maggiore è l’angolo tra la linea blu e quella rossa maggiore è la curva della palla e, di conseguenza, l’hook. Detto questo, le cause possono essere molteplici. L’hook può essere causato da una causa statica (pre-swing), da una causa dinamica (durante lo swing) o da entrambe. La prima cosa, comunque, che si va a controllare dopo set-up e address è il grip. Generalmente la posizione della mano destra (nel tuo caso la sinistra) è troppo forte. Considerato che generalmente l’hook è causato dalla combinazione di un grip forte e/o una traiettoria del bastone troppo dall’interno, il correggere il grip, magari esagerando, ti dovrebbe portare a tirare la palla più o meno dritta a sinistra il che, a sua volta, ti dovrebbe portare a correggere la traiettoria della testa del bastone da interna a più in linea. Ma queste, come già detto, sono solo supposizioni. Se vuoi puoi postare un video in modo da avere un’idea un po’ più dettagliata di quello che ti succede nello swing .

     

    #30752
    Dunlop54
    Dunlop54
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:410
      • Eagle
      Punti: 1.180

    ELFRER ha scritto:

    P.S. mastro Dunlop , Le serve una maitresse ? pardon , oggi si dice “public relations man”.
    P.S.2 vendere è come radersi , se non lo fai tutti i giorni diventi un barbone. (anonimo).

    P.S. Caro Mastro ELFRER, sarei onorato di averLa come “maitresse” o, se preferisce, come PR.    :up:

    P.S.2 un vero gentleman si rade tutti i giorni. (sconosciuto)  :)

    #30753
    TST75
    TST75
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:89
      • Double bogey
      Punti: 250

    Ciao TST75. E’ un piacere rileggerti anche per me. Trovo strano che ti abbiano consigliato di giocare solo il sand dai 100 metri in giù. Io, di solito, faccio il contrario. Prima spiego all’allievo che ci sono due modi di approcciare: chipping (- volo + rotolo) e pitching (+ volo – rotolo). Dopo aver spiegato quando e perché potrebbe essere più vantaggioso usare uno piuttosto che l’altro, generalmente comincio ad insegnare il primo (chipping) perché, a mio avviso, più semplice e redditizio per poi passare al secondo (pitching). Ricordati, comunque, che per il gioco corto è fondamentale la pratica per riuscire a memorizzare tecnica e sensazioni che sono fondamentali per affinare la sensibilità e la visualizzazione del colpo. Proprio per questo i grandi giocatori di gioco corto hanno sviluppato una notevole “fantasia” nell’individuare il colpo da eseguire per togliersi dalle situazioni più disparate. Per quanto riguarda, invece, il tuo problema con il legno 3 ti ho “invitato” a prendere una lezione perché non vedendoti giocare di persona non posso darti una soluzione certa. Quello che posso sicuramente dirti è che la palla gira verso destra perché la faccia del bastone all’impatto è chiusa (nel tuo caso punta verso destra perché sei mancino) rispetto alla traiettoria del bastone. Questa immagine ti può aiutare a capire: Per te che sei mancino è, ovviamente, il contrario (prova a guardarla allo specchio). Maggiore è l’angolo tra la linea blu e quella rossa maggiore è la curva della palla e, di conseguenza, l’hook. Detto questo, le cause possono essere molteplici. L’hook può essere causato da una causa statica (pre-swing), da una causa dinamica (durante lo swing) o da entrambe. La prima cosa, comunque, che si va a controllare dopo set-up e address è il grip. Generalmente la posizione della mano destra (nel tuo caso la sinistra) è troppo forte. Considerato che generalmente l’hook è causato dalla combinazione di un grip forte e/o una traiettoria del bastone troppo dall’interno, il correggere il grip, magari esagerando, ti dovrebbe portare a tirare la palla più o meno dritta a sinistra il che, a sua volta, ti dovrebbe portare a correggere la traiettoria della testa del bastone da interna a più in linea. Ma queste, come già detto, sono solo supposizioni. Se vuoi puoi postare un video in modo da avere un’idea un po’ più dettagliata di quello che ti succede nello swing .

     

    :adorazione: :adorazione: :adorazione: :adorazione: :adorazione: :adorazione:

    Grazie Dunlop.

    Strano, può darsi, ma chip e pitch li so fare solo con il sand con cui ho dovuto imparare a dosare la forza e modificare il colpo a seconda di quello che volevo fare e acquisendo sempre più confidenza con questo bastone per queste tipologie di colpi. Che sia un professionista e non me ne sia accorto? :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

    Per il legno 3 ottimi i consigli e per certo una lezione dal maestro è sempre cosa utile. Il mio grosso problema è che quando poi sono in campo e in particolare dal tee, sembra che non abbia mai preso in mano una mazza da golf. :down: Mi hanno corretto nell’ultima lezione la posizione delle mani, sia sul driver che sul legno 3, che erano troppo avanti, riportandole al centro del corpo. Questo ho notato mi posizione la faccia del legno un po’ più chiusa già in partenza, ma i risultati eran migliorati rispetto a quanto avveniva in passato….però potrebbe essere anche questo, forse!

    Per fortuna riesco a recuperare (con alterni risultati!!) ma partire già “zoppo” non è il massimo. Vedi anche i resoconti delle mie ultime gare.

     

     

    • Questa risposta è stata modificata 2 mesi, 2 settimane fa da TST75 TST75.
    #30755
    Dunlop54
    Dunlop54
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:410
      • Eagle
      Punti: 1.180

    TST75 ha scrtitto:

    Mi hanno corretto nell’ultima lezione la posizione delle mani, sia sul driver che sul legno 3, che erano troppo avanti, riportandole al centro del corpo. Questo ho notato mi posizione la faccia del legno un po’ più chiusa già in partenza, ma i risultati eran migliorati rispetto a quanto avveniva in passato….però potrebbe essere anche questo, forse!

    In effetti, il tenere le mani troppo avanzate all’address può portare a farle ritornare un po’ più arretrate all’impatto e ad avere, di conseguenza, la faccia del bastone più o meno chiusa. Ma generalmente avere le mani troppo avanzate è anche sintomo di un grip piuttosto forte. E’ comunque tutto l’insieme che va analizzato poiché un grip sbagliato provoca una posizione sbagliata così come una posizione sbagliata porta ad avere un grip sbagliato. Se poi, però, la correzione ti porta, come scrivi, ad avere la faccia del bastone chiusa già in partenza non devi fare altro che far girare il grip del bastone nelle mani fino a riportarla square o leggermente aperta. E’ chiaro che se parti con la faccia del bastone già chiusa hai buone probabilità che ti venga fuori un colpo con effetto da sinistra a destra.  :)

    #30764
    TST75
    TST75
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:89
      • Double bogey
      Punti: 250

    Sabato un po’ di allenamento specialmente sui tee shot e gioco corto, visti i miei problemini e che la gara aveva tanti partecipanti. Così son riuscito a correggere un po’ il gancio pauroso col legno 3, facendo attenzione a grip, postura del corpo e distanza dalla palla. Ho aumentato e di molto la confidenza con il driver che ancora non giocherò in gara, ma nei giri fuori gara sicuro, finchè non lo sentirò “mio” come accade ora con il legno 3.

    Altro discorso per gli approcci. Ho sfruttato 2 buche fuori gara per fare un po’ di prove e prendere confidenza con l’utilizzo di F8,F9,PW e i risultati son stati sorprendenti. Il sand verrà relegato solo ed esclusivamente alle uscite dal bunker o agli approcci molto molto ravvicinati per il momento.

    Alla prossima gara un altro aggiornamento.

    #30825
    TST75
    TST75
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:89
      • Double bogey
      Punti: 250

    Fai giocare tuo figlio al parco, in mezzo al verde…..e partecipa alla divertente partita di pallavolo tra genitori che son stati così carini da far giocare tuo figlio anche se mai visto prima.

     

    Risultato una caviglia grossa come un pompelmo e movimento di torsione doloroso quanto il callo della zia peppina pestato da un energumento di 180Kg!!! :fumo: :fumo: :fumo: :fumo: :fumo: :fumo:   Così attività golfistica sospesa completamente, a meno forse di fare un po’ di putt, ma vedremo durante la settimana come evolve la caviglia. Seppur già da domenica sera subito dopo il fattaccio ad oggi è migliorata molto, ma non voglio sforzarla troppo e ritrovarmi fastidi postumi.

     

    Quindi per certo, prossime gare non prima del 6-7 luglio. Mannaggia!

    E ora golf online e dal divano a manetta !! A presto e buon golf a voi che andrete per campi verdi

    #30827
    ELFRER
    ELFRER
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:751
      • HoG D.O.P.
      Punti: 2.480

    auguri tst75 . guarisci bene e presto , i lacustri hanno bisogno dei tuoi risultati.
    P.S. la caviglia è una brutta bestia , curati bene. (esperienza di un ex maratoneta).

Stai vedendo 15 articoli - dal 16 a 30 (di 40 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.