Home / GOLF / Golf News / Donnafugata Golf Resort fallisce il turismo del golf in Italia ?

Donnafugata Golf Resort fallisce il turismo del golf in Italia ?

Fallisce il turismo del golf in Italia, Donnafugata Golf Resort simbolo di un paese non ancora pronto per il turismo legato al golf ? 

Il titolo di questo articolo è volutamente una provocazione, da una parte vogliamo portare a conoscenza di tutti il caso di fallimento del Donnafugata Golf Resort in Sicilia che in questi primi mesi del 2019 sta andando all’asta, ma dall’altro lato vogliamo mettere in risalto come il turismo del golf in Italia forse non attira così tanto gli investitori come si potrebbe pensare.

Per chi non conosce il Donnafugata Golf Resort, si tratta di una struttura costruita all’interno di una parco di 240 ettari, composta da oltre 200 camere e suite, sale riunioni, centro benessere e fitness ma sopratutto due campi da golf a 18 buche.

Un percorso Parkland firmato da Gary Player e immerso tra gli ulivi e un percorso Links progettato da Franco Piras, che si affaccia sul mare, due campi da golf ad alta attrazione turistica in una posizione climatica ottima che fanno del Donnafugata Golf Resort una perfetta struttura per il turismo golfistico.

A maggio 2018 la struttura è stata dichiarata fallita e messa all’asta, al primo appuntamento di Gennaio 2019 solo un’azienda presente ma nulla di fatto, il secondo atto dell’asta è previsto per il 18 Febbraio per cercare di aggiudicare ad un nuovo gestore la struttura turistica con annessi i campi da golf.

Il contratto d’affitto per 2 anni è di 32mila euro mensili e richiede una fideiussione bancaria di 5 milioni, fatevi due conti e se avete due spiccioli perché non farvi avanti ?

In molti si sono chiesti, ma perché il Donnafugata Golf Resort è fallito ?

Come spiega Il Sole 24 Ore in un’inchiesta pubblicata sulle sue pagine, il fallimento sembra provocato da:

“Un contenzioso la cui origine va ricercata nel contratto di vendita e affitto degli immobili stipulato a suo tempo tra la famiglia Arezzo e la Donnafugata Resort”

Oltre quindi ad un fattore tecnico-burocratico, su cui non ci sentiamo di giudicare, dietro alla struttura siciliana lavorano 45 dipendenti (di cui 8 a tempo pieno e 37 part-time) che al momento sono sospesi e non licenziati, quindi senza ammortizzatori sociali, situazione delicata per alcune famiglie che portavano avanti la struttura ed erano estranee ai fatti.

Anzi gli stessi dipendenti segnalano che la struttura sembra non aver mai sofferto la crisi e a quanto pare per il 2019, le prenotazioni per le vacanze segnavano già 1 milione e 600 mila euro, dopo che il 2018 aveva infranto i “record” di incasso degli anni precedenti.

Quando è stato comunicato il licenziamento pare che nei conti correnti ci fosse una liquidità di 1,5 milioni.

La situazione fallimento del Donnafugata Golf Resort è quindi molto delicata, staremo a vedere se l’asta del 18 Febbraio 2019 avrà una svolta positiva ma la strada è certamente tutta in salita.

Il turismo golfistico in Italia non sa da fare ?

Dal fallimento del Donnafugata Golf però si apre anche una discussione sul turismo golfistico in Italia come forma di business, se nessun imprenditore vuole accollarsi questa struttura che sembra registrare presenze senza alcun sforzo, perché nessun imprenditore italiano o straniero è interessato a rilevare la struttura per investire sul turismo del golf in Sicilia e in Italia ?

La struttura siciliana ha di certo negli anni ospitato diversi turisti stranieri, è possibile che ad oggi il turismo legato al golf in Italia non faccia ancora gola a nessuno ?

O forse i numeri della struttura non sono così floridi, ma in realtà sarebbe più corretto dire che proprio i numeri del turismo del golf in Italia, per come siamo strutturati ora non saranno mai paragonabili nemmeno ad un terzo di quelli spagnoli ?

A vostro avviso il turismo legato al golf in Italia può veramente essere un’arma da sfruttare a favore ? O forse è l’ennesima via che si cerca di trovare per far crescere il golf in una nazione dove stenta a partire una crescita corposa ?

Commenta sul forum di House of Golf ed esprimi la tua opinione sul tema !!

A proposito HoG Staff

HoG Staff

Leggi anche

Rovereto 31 Gennaio 2019 – RYDER CUP 2022 Come cambia il golf italiano. Sostenibilità, progetti e ambiente

Vi parliamo di un evento un pò in sordina di cui forse anche i residenti …

Home Page Forum di golf Donnafugata Golf Resort fallisce il turismo del golf in Italia ?

Questo argomento contiene 4 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da Wedge60 wedge60 3 mesi, 3 settimane fa.

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #28606
    HoG Staff
    HoG Staff
    Amministratore del forum
    • Offline
      • Messaggi:266
      • HoG D.O.P.
      Punti: 210

    Fallisce il turismo del golf in Italia, Donnafugata Golf Resort simbolo di un paese non ancora pronto per il turismo legato al golf ?  Il titolo di qu

    [Leggi l’articolo completo: http://www.houseofgolf.it/golf-abc/golf-news-notizie/donnafugata-golf-resort-fallisce-il-turismo-del-golf-in-italia/]

    #28607
    Wedge60
    wedge60
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:1501
      • HoG D.O.P.
      Punti: 3.945

    Riporto di seguito un interessante commento ricevuto su Facebook a tal proposito da Umberto Trulla:

    Non c’è nessun tipo di politica dei prezzi dei green FEE ,sono appena stato a Tenerife,è nel picco della stagione,ma puoi prenotare online i green FEE a seconda della tua disponibilità di spesa,es.

    Ho giocato al Buenavista green FEE mattutino 150€ ,il twilight dopo le 14 costa 70€,OK devi correre per finire con la luce, però se ti puoi permettere solo quello meglio che niente,nei siti dei golf italiani non è neanche indicato il prezzo del green FEE ,devi quasi sempre chiamare e chiedere e il prezzo è quello sia che siano le 10am oppure le 16pm.

    Se la gente non riesce a giocare perché non può permetterselo….. Poi smette, perché giocare sempre e solo dove sei socio annoia alla fine.

    #28608
    DaniUnchained
    DaniUnchained
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:615
      • Condor
      Punti: 865

    Sicuramente il Donnafugata non ha chiuso perchè non ha le tariffe twilight, i motivi saran di certo altri.

    Però il fatto che nel 2019 in Italia non si possa ancora prenotare un green fee online, avere una certezza di partenza e avere prezzi scaglionati in base a giorno e orario dimostra quanto ancora siamo indietro rispetto al resto del mondo…

    Ho visto che è nato qualche sito/app di prenotazione, ma lontano anni luce da servizi come golfnow e co (esistono diverse piattaforme che si fanno concorrenza, e non solo negli Stati Uniti).

    E’ vero che sovente andare senza prenotare è anche un vantaggio, ma dal punto di vista del turista non lo è affatto, unito al fatto che il circolo non fa rispettare le partenze (tranne quando ci sono le gare) e ovviamente non fa rispettare i tempi di gioco (con conseguenza che il solito gruppo di soci che passeggiano non da il passo al turista o ospite di turno, ecc ecc)…

    #28609
    Wedge60
    wedge60
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:1501
      • HoG D.O.P.
      Punti: 3.945

    Forse anche la posizione dei campi da golf italiani non attira il turismo golfistico ?

    Nel senso che a differenza della Spagna dove ci sono quasi dei District del golf, in Italia non ci sono zone con una concentrazione di campi a breve raggio che permette al turista golfista di farsi una settimana di golf in diversi campi…

    Non sono molti nemmeno i campi “sul mare”, che quindi consentono di godere di una settimana sul mare italiano intervallato dal golf…

    Può essere anche questo un’altro fattore che non aiuta il turismo del golf in Italia ?

    #28610
    Wedge60
    wedge60
    Partecipante
    • Offline
      • Messaggi:1501
      • HoG D.O.P.
      Punti: 3.945

    Riporto un’altro commento sempre da Facebook di Francesco Bizzozero

    Non siamo pronti per il turismo ” standard” figuriamoci quello golfistico.
    La richiesta e’ viva e vegeta da ma l’offerta Italia, in questo caso golf Italia, e’ ferma e stagnante. Per fortuna ogni tanto qualche gruppo importante investe e fa si che non muoiano realta importanti come per esempio Golf club Bagnaia rilevato dalla img…o castglion del Bosco etx etc…La verita e’che spesso siamo impreparati e ancor piu spesso strutture importanti vengono affidate ad incompetenti.

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.