Home / Recensioni Golf Club / Bali hai golf club – Las Vegas

La mattina di Las Vegas riserva sorprese

Bali hai golf club – Las Vegas

La mattina di Las Vegas riserva sorprese

Neanche un km fuori dal caos della strip si può trovare un posto incantevole e in cui regna la pace.

Mi è capitato quest’estate durante il viaggio di nozze di fermarmi un paio di notti a Las Vegas e complice un clima meno torrido del normale (30-35°C) ho deciso di provare un campo, la scelta sul Bali Hai è caduta perchè il più vicino al centro e quindi mi lasciava la possibilità in caso di problemi di tornare da mia moglie in poco tempo.

La prenotazione è veramente facile e tramite i siti on line americani si trovano sempre delle offerte comprensive di cart e noleggio sacca. La club house al mio arrivo si è presentata come da aspettativa, cioè il top del lusso con legno e marmo ovunque ed un personale assolutamente impeccabile e gentilissimo. Il proshop dove si paga il fee è fornito come il miglior golf us ed i prezzi sono ai livelli di golf smith per cui occhi aperti che l’affare è dietro l’angolo. Il costo del tutto è stato 140 dollari comprendenti, fee, cart, sacca e tre stick di palline logate (9 in tutto).

Il campo pratica è molto carino, circa 200 yards con un meccanismo che ti riposiziona la pallina in automatico dopo ogni tiro, ovviamente il CP è gratuito. L’unica pecca è il numero di postazioni, una decina nessuna coperta.

Il Bar vicino al tee della uno è gestito da due signorine di tutto rispetto in tipico stile baywatch, forse è l’unico motivo che mi ha fatto prendere una pasta con un livello di zucchero da diabete fulminante.

Veniamo alle cose importanti, il campo…. wow sul tee della uno ho chiesto al caddy master se era sintetico, perchè non avevo mai visto un campo così perfetto neanche in florida. Per non parlare della vista, purtroppo sul tee della una gli hotel sono coperti dagli alberi, ma arrivando sul tee della due vedi la streep e lo skyline di Las vegas, veramente fantastico.

Le buche sono molto varie con dog leg sia a dx che sx, ma soprattutto non è il tipico campo americano con fairways di 100 mt di larghezza, li devi tirare dritto perchè ci sono bunker sul punto di atterraggio di tutti i tee shot, fuori limite e acqua un po ovunque… Le buche sono mediamente lunghe, noi abbiamo giocato dai tee arretrati e nonostante le condizioni ambientali che ti regalavano quasi un ferro su ogni colpo (ho fatto spesso 250/260 yards con il drive) difficilmente abbiamo tirato meno del ferro 5/6 per andare in green.

Spettacolari i par tree, tutti con le partenze rialzate e acqua da volare, distanze perfette per il tipo di buca, mai sopra le 160 yards.

Se passate da Las vegas nn fatevelo scappare, è un campo da ricordare….

A proposito magicmike

Magicmike

Leggi anche

Golf Club Punta Ala

L’A.S.D. Golf Club Punta Ala ha iniziato la sua attività nella primavera dell’anno 1964. Il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:chedicoafare:  :avvocato:  :cervello:  :pugnette:  :quoto:  :cart:  :bandiera:  :driver:  :ferro7:  :erba: 
:allenamento:  :applauso:  :auguri:  :baci:  :gogo:  :caldo:  :cappellino:  :ammicco:  :dimenticato:  :down: 
:up:  :fumo:  :adorazione:  :regole:  :P  :doc:  :nervoso:  :nono:  :cool:  :sguardo: 
:veggente:  :pericolo:  :petto:  :regalo:  :urlo:  :lol:  :ciao:  :)  :ko:  :tromba: 
:festa:  :vetro: