Home / Recensioni Golf Club / Golf Club I Girasoli

Golf Club I Girasoli

Un altro campo del Piemonte, il Golf Club I Girasoli è un percorso di golf ecologico sito a Carmagnola in provincia di Torino, nato accanto al Golf Club La Margherita, con l’intezione di creare un percorso completamente ecologico, realizzato seguendo l’andamento naturale del terreno senza sconvolgerlo, con le sue pendenze, le sue erbe stanziali della zona arricchite d’essenze erbacee perenni ma senza l’uso di diserbati e con un notevole risparmio idrico rispetto agli altri verdeggianti campi da golf. 

Il Golf Club I Girasoli aperto sin dal 1991, ha subito nel corso degli anni alcuni cambiamenti, situato nell’aperta campagna che circonda Carmagnola (TO) il Golf Club I Girasoli è facilmente raggiungibile dall’autostrada A6 Torino-Savona si esce a Carmagnola, successivamente seguire per Poirino e le indicazioni per il circolo che si trova a soli 4 km dal casello autostradale, se invece arrivate dalla A21 Piacenza-Torino, uscire a Villanova d’Asti e poi seguire la direzione Poirino-Carmagnola sulla SS20 in direzione Poirino-Pralormo fino ad incrociare le indicazioni per il circolo.

Il percorso del Golf Club I Girasoliprogettato da Giorgio Ferraris e Piero Bruno, mette a disposizione un percorso da 18 buche par 71 per una lunghezza totale di 5.847 metri per gli uomini e di 5.152 metri per le donne, piu’ di 3.000 piante d’alto fusto creano un’oasi floro-faunistica ricca di diverse specie animali. Il percorso molto tecnico e ricco di ostacoli d’acqua rende stimolante la sfida tra il giocatore e il campo con l’impiego di tutti i ferri della sacca, inoltre negli ultimi anni il circolo è diventato anche un punto di riferimento per la nuova disciplina del Foot Golf.

Il Golf Club I Girasoli mette a disposizione un ampio campo pratica vicino alla partenza della buca 1 con diverse postazioni coperte e scoperte, disponibili anche putting green e area approcci con vista sul lago che caratterizza la buca 9 del percorso, nei pressi della club house è disponibile una piscina con zona solarium mentre se volete prolungare il piacere di una giornata al Golf Club I Girasoli non potete che fermarvi a pranzare o cenare presso il ristorante agrituristico sito nella club house dove potrete gustare piatti tipici preparati con ingredienti provenienti dall’orto biologico di 1.000 mq a disposizione della cucina del club.

Buca 1 – Par 4 – Hcp 1 – Uomini: 379 m

Un Par 4 difficile per iniziare, drive da giocare leggermente sulla destra senza finire nella vigna, sulla sinistra ostacolo d’acqua che entra in gioco, secondo colpo al green ancora distante, green che presenta insidiose pendenze.

Buca 2 – Par 4 – Hcp 17 – Uomini: 263 m

Una buca non particolarmente complicata, con partenza dall’alto verso il basso, primo colpo dritto evitando il fitto pioppeto sulla destra e la depressione del fairway sulla sinistra, il green è ben difeso da un boschetto di pini in prossimità del green a destra e dai quattro bunkers che lo proteggono. Se giocata in modo prudente con palla in centro pista e secondo al green risulta una buca semplice.

Buca 3 – Par 4 – Hcp 11 – Uomini: 322 m

Un ostacolo d’acqua laterale costeggia tutta la buca senza creare particolari problemi, il primo colpo centrale deve star lontano dal rough di sinistra, secondo colpo al green rialzato su due livelli, un profondo bunker posto sulla sinistra può creare qualche problema.

Finita la buca approfittatene dell’unica fontanella presente sul percorso per riempire le bottiglie!!!

Buca 4 – Par 3 – Hcp 7 – Uomini: 134 m

Il primo Par 3 con partenza dal basso verso l’alto, un ferro dal tee dovrebbe essere sufficiente per raggiungere il green piccolo e molto ondulato.

Buca 5 – Par 5 – Hcp 15 – Uomini: 501 m

Primo par 5 del campo, il primo colpo con il drive non crea particolari problemi l’area di atterraggio è ampia, differente invece il secondo colpo che raggiunge una depressione della buca verso un fairway via via sempre più stretto e costeggiato a destra da un piccolo lago che entra in gioco, il terzo colpo al green non è particolarmente difficile anche se stretto, green ondulato e incorniciato tra alberi, a destra un lago che non crea particolari problemi a meno di palle lunghe.

Buca 6 – Par 5 – Hcp 12 Uomini: 448 m

Altra buca par 5, tee shot da giocare leggermente a sinistra in modo da non avere problema con gli alberi a destra che creano un muro fastidioso, secondo colpo senza particolari problemi la pista si allarga, in questa buca sono disponibili due green uno a sinistra e uno a destra, quello a destra più piccolo e leggermente in salita è difeso a centro destra da un bunker. Quello a sinistra invece più impegnativo e spettacolare ricorda la buca 17 del TPC di Sawgrass, green circondato da ostacolo d’acqua.

Buca 7 – Par 3 – Hcp 4 Uomini: 150 m

Dal tee un colpo semplice per raggiungere il green, unico ostacolo il lago posto in mezzo con il canneto che è pronto ad accogliere le palline.

Buca 8 – Par 4 – Hcp 13 Uomini: 297 m

Tee shot impegnativo per questo corto par 4, sulla destra un filare di alberi e la vigna (in cui si può droppare senza penalità in quanto area ambientale protetta) rendono più stretta l’area di atterraggio, il secondo colpo al green non presenta particolari difficoltà.

Buca 9 – Par 3 – Hcp 2 Uomini: 151 m

Buca tipica del campo, una buca spettacolare ma di certo non facile da giocare, partenza dal tee con un grande lago davanti da superare di volo per raggiungere il green, attenzione al grande bunker, se invece volete giocare sul sicuro sulla sinsitra un piccolo fairway è pronto ad accogliere il vostro tiro, in fondo sono solo 151 metri… non pensate che ci sia l’acqua!!! Facile no?!?!?!?

Buca 10 – Par 5 – Hcp 8 Uomini: 490 m

Un difficile par 5, lungo e impegnativo, drive da mettere in centro pista per avere la visuale aperta sul secondo colpo, terzo al green che si presenta piccolo e difficile, ben protetto da un bunker sulla destra e sulla sinistra.

Buca 11 – Par 3 – Hcp 14 Uomini: 153 m

Una vera e propria valle separa il tee e il green, un ferro lungo ben tirato o un legno per i più corti dovrebbe bastare per raggiungere di volo la piazzola d’arrivo, rimanere corti al green non è una buona scelta e il profondo bunker sulla sinistra è una calamita raccogli palline, il green presenta due livelli con una forte pendenza sul fronte.

Buca 12 – Par 5 – Hcp 16 Uomini: 449 m

Un par 5 non particolarmente difficile ma lungo, partenza dall’alto verso il basso con acqua sulla sinistra che non dovrebbe particolarmente infastidire, secondo colpo con zona di atterraggio leggermente ristretta da un piccolo lago sulla destra mentre il terzo colpo va giocato verso un green a forma di otto, con un grosso gradino situato nel mezzo, sulla destra ben difeso da un grande albero che in parte copre la visuale.

Buca 13 – Par 4 – Hcp 3 Uomini: 324 m

Un dog-leg secco a sinistra circondato da querce, il primo colpo non crea particolari problemi la zona di atterraggio è ampia meglio rimanere sulla sinistra, secondo colpo che può essere più difficile complice anche la presenza della grande quercia a difesa della salita al green, il green raggiungibile a seguito di un’impervia salita è abbastanza ampio con una leggera doppia pendenza.

Buca 14 – Par 4 – Hcp 5 Uomini: 373 m

Altro dog-leg a sinistra in cui conviene giocare il primo colpo sulla destra in modo da avere spazio aperto per il secondo colpo dall’alto verso il basso al green, il green ampio e privo di particolari pendenze non dovrebbe crearvi problemi attenti solo a non andare troppo lunghi perché dietro al green è presente un lago.

Buca 15 – Par 5 – Hcp 18 Uomini: 412 m

Un par 5 non impegnativo, primo colpo con acqua che non crea problemi, buca leggermente in salita con un secondo colpo cieco, terzo colpo al green circondato da una serie di querce con green senza particolari pendenze.

Buca 16 – Par 3 – Hcp 10 Uomini: 171 m

Un par 3 lungo ma non impegnativo, sulla sinistra possono creare fastidi i due laghetti che in parte entrano in gioco in caso di colpi non dritti, meglio rimanere sulla destra, green non difficile.

Buca 17 – Par 3 – Hcp 9 Uomini: 164 m

Altro par 3 non facile questa volta, in salita, stretto con un green ben protetto da un grosso bunker sulla destra, qua meglio essere precisi con un green stretto ed allungato.

Buca 18 – Par 4 – Hcp 6 Uomini: 328 m

Ultima buca con pendenza da destra a sinistra, drive da piazzare leggermente sulla destra del fairway per sfruttare la pendenza del terreno e ottimizzare l’angolo di attacco al green con il secondo colpo, anche in questa buca sono disponibili due green uno a destra e uno a sinistra, il green di destra (meno giocato) di dimensioni medie, è ben difeso da tre bunker insidiosi collocati strategicamente. Quello a sinistra invece con doppia pendenza, è tra i più grandi del campo ed è raggiungibile con il secondo colpo con un ferro corto, protetto non solo dal lago sulla sinistra ma da due bunker rotondi dalla parte del lago e altri due bunker uno sul fronte e uno dietro.

A proposito HoG Staff

HoG Staff

Leggi anche

Golf Club Punta Ala

L’A.S.D. Golf Club Punta Ala ha iniziato la sua attività nella primavera dell’anno 1964. Il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:chedicoafare:  :avvocato:  :cervello:  :pugnette:  :quoto:  :cart:  :bandiera:  :driver:  :ferro7:  :erba: 
:allenamento:  :applauso:  :auguri:  :baci:  :gogo:  :caldo:  :cappellino:  :ammicco:  :dimenticato:  :down: 
:up:  :fumo:  :adorazione:  :regole:  :P  :doc:  :nervoso:  :nono:  :cool:  :sguardo: 
:veggente:  :pericolo:  :petto:  :regalo:  :urlo:  :lol:  :ciao:  :)  :ko:  :tromba: 
:festa:  :vetro: