Home / Recensioni Golf Club / Terme di Saturnia Spa & Golf Resort

Terme di Saturnia Spa & Golf Resort

Il Golf Terme di Saturnia è situato in prossimità dell’hotel resort delle Terme di Saturnia, in una zona verdeggiante e molto tranquilla, ideale per chi ama l’esclusività e la riservatezza.

L’hotel Terme di Saturnia Spa & Golf Resort è una struttura di gran lusso, ricavato da un’antica costruzione in travertino, con 140 camere, ideale per chi desidera trascorrere una vacanza rilassante.


Per contribuire ad una vacanza perfetta è bene trascorrere qualche ora all’interno delle terme, concentrandosi sui trattamenti di bellezza e su quelli salutari. Qui si troveranno 4 piscine termali all’aperto, idromassaggi, Spa e due ristoranti. 

Chi non volesse soggiornare presso l’hotel (i prezzi non sono proprio popolari), può tranquillamente rivolgersi ai numerosi agriturismi che ci sono nella zona, senza tralasciare la frequentazione delle numerose trattorie e dei ristoranti limitrofi.

Il campo, su progetto dall’architetto californiano Ronald Fream dello studio Golfplan, è abbastanza ostico, tecnicamente validissimo e lungo, anche se nel complesso risulta utilizzabile da giocatori di tutti i livelli di gioco. 

Quest’anno (2010) partiranno i lavori per la costruzione della nuova club-house, situata nella parte alta del percorso in vicinanza dell’hotel delle terme. Con l’ultimazione dei lavori verranno ri-numerate le buche per fare in modo di avere le buche di partenza ed arrivo vicine.

Attualmente la disposizione del campo pratica rispetto alla club house e alla partenza della buca 1 risulta improponibile da fare senza cart, specie d’estate. 

Veniamo ora alla descrizione dell’attuale campo di 18 buche (anno 2010).

Buca 1 – Par 5 – mt. 510 – hcp 6 Lungo par 5 con dog-leg a sinistra che costeggia un laghetto. Una serie di bunkers sono disseminati lungo il percorso nei punti strategici. Il green è posizionato al bordo del laghetto e protetto da bunker di fronte e sul retro. Driver in direzione del bunker, legno 3 o ferro 3, ferro 7 al green.

Buca 2 – Par 3 – mt. 182 – hcp 4 Come par 3 è molto lunga, in leggera salita con green ampio e sopraelevato con tutto un lago davanti pronto ad ingoiare le palline dei colpi corti. A destra del green un fuori limite può disturbare i colpi imprecisi mentre a sinistra e a destra due bunkers sono posti a difesa del green. Legno 3/5 o ferro 3

Buca 3 – Par 5 – mt. 526 – hcp 14 Un altro lungo par 5, in piano con lago di fronte al tee e alberi a sinistra con fuori limite. Il green, ampio e con varie pendenze, è posto al centro di tre bunkers. Driver in direzione dell’albero al centro fairway,  legno 3 e ferro 6/8 al green.

Buca 4 – Par 4 – mt. 316 – hcp 12 Buca di riposo ampia che si sviluppa in leggera discesa con leggero dog-leg a sinistra. Sul lato sinistro la buca è fiancheggiata dal fuori limite, il green è protetto da bunkers. Driver centrale e ferro al green.

Buca 5 – Par 5 – mt. 421 – hcp 8 Altro par 5 non lungo ma molto delicato, con doppio dog-leg prima a sinistra e poi a destra. Il tee shot si gioca in discesa verso il bunker, una serie di bunkers disseminati lungo la buca non consente distrazioni. Il green è in pendenza laterale a più livelli incastonato tra due bunkers. Driver o legno 3, ferro a scavalcare il fosso, pitch al green.

Buca 6 – Par 4 – mt. 302 – hcp 2 La limitata lunghezza della buca potrebbe tradire il giocatore coraggioso, in quanto a sinistra si trova un fuori limite e a destra una serie di alberi. Il green è posto a dog-leg dietro ad un fosso difeso da un bunker frontale. Driver o legno 3 e pitch/ferro 8 al green

Buca 7 – Par 3 – mt. 176 – hcp 15 Si sviluppa dall’alto verso il basso con pochi metri di dislivello. Se si attacca la bandiera è richiesto un colpo preciso altrimenti si gioca a destra del green, 2 bunkers raccolgono i colpi chiusi o lunghi, fuori limite a sinistra. Ferro 6/5/4

Buca 8 – Par 4 – mt. 367 – hcp 10 Buca in discesa con fosso frontale, alberi a destra e fuori limite a sinistra. Il green è posto di sbieco per i temerari, mentre è diritto per quanti aggirano i due bunkers intermedi. Il green è protetto da due bunkers. Driver e ferro 6 o 5 al green.

Buca 9 – Par 4 – mt. 286 – hcp 16 Buca in discesa molto corta. A sinistra si trova un fuori limite e due bunkers sono dislocati nel punto di arrivo del tee shot. Il green ha un grande bunker a protezione e richiede un colpo di precisione. Driver o legno 3 e pitch/ferro al green.

Buca 10 – Par 5 – mt. 490 – hcp 3 Buca con accentuato dog-leg a sinistra. Il tee shot si gioca in leggera salita sulla destra, ad evitare i due grandi bunkers,. Secondo colpo a scavalcare il fosso. Il green è lungo e stretto in pendenza laterale a più livelli incastonato tra una scarpata in salita a destra e un bunker a sinistra. Driver in direzione dell’albero centrale, ferro 6/7, ferro 9/pitch al green.

Buca 11 – Par 3 – mt. 122 – hcp 18 Anche questo par 3 si sviluppa leggermente dall’alto verso il basso. Se si attacca la bandiera è richiesto un colpo preciso altrimenti giocare a sinistra del green, 2 bunkers raccolgono i colpi corti o lunghi. Ferro 6/7

Buca 12 – Par 4 – mt. 410 – hcp 9 Lunga buca in leggera salita. Il green è protetto da un bunker frontale e da uno posteriore. Driver e legno 3, eventuale pitch al green.

Buca 13 – Par 4 – mt. 367 – hcp 1 Buca in discesa con attraversamento di due fossi. Il green è posto tra due bunkers con pendenza laterale ed a ridosso di un boschetto a destra. Driver o legno 3 e ferro 6 o 5 al green.

Buca 14 – Par 3 – mt. 164 – hcp 13 Par 3 con il green rialzato dopo l’attraversamento di un fosso. Si gioca verso destra, un bunker protegge il green dai colpi chiusi. Ferro 4 o ibrido.

Buca 15 – Par 4 – mt. 360 – hcp 5 Par 4 dog-leg a destra impegnativo, con fuori limite sulla destra. Il green è difeso da quattro bunkers. Driver sulla sinistra, ferro 4/5 o ibrido.

Buca 16 – Par 4 – mt. 303 – hcp 17 Par 4 con accentuato dog-leg a sinistra. Il tee shot si gioca in discesa verso i due bunkers. Il green è sopraelevato e protetto da altri due bunkers. Driver e ferro 8/9 al green.

Buca 17 – Par 4 – mt. 270 – hcp 7 Par 4 corto ma molto in salita, con dog-leg a destra. Attenzione al laghetto sulla destra, giocare il driver verso il centro sinistra. Il green è stretto e lungo, con molte pendenze e difeso da un grande bunker frontale. Driver e ferro 7/8.

Buca 18 – Par 4 – mt. 361 – hcp 11 Buca con leggero dog-leg a sinistra che costeggia due laghi sulla destra. Il tee è sopraelevato, il green è lungo e con molte pendenze verso il lago. Driver e ferro 6/7.

In conclusione un campo molto bello, anche se tecnicamente molto difficile, ma divertente. Il circolo è ben gestito e tutto il personale presente è gentile e disponibile.
Data la strada non proprio agevole, meglio goderselo per almeno un paio di giorni. La struttura ricettiva e le terme sono un contorno certamente piacevole, e all’esterno agriturismi e ristorantini sono veramente ottimi.

A proposito Gian Luigi Crocioni

Giagio

Leggi anche

Golf Club Punta Ala

L’A.S.D. Golf Club Punta Ala ha iniziato la sua attività nella primavera dell’anno 1964. Il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:chedicoafare:  :avvocato:  :cervello:  :pugnette:  :quoto:  :cart:  :bandiera:  :driver:  :ferro7:  :erba: 
:allenamento:  :applauso:  :auguri:  :baci:  :gogo:  :caldo:  :cappellino:  :ammicco:  :dimenticato:  :down: 
:up:  :fumo:  :adorazione:  :regole:  :P  :doc:  :nervoso:  :nono:  :cool:  :sguardo: 
:veggente:  :pericolo:  :petto:  :regalo:  :urlo:  :lol:  :ciao:  :)  :ko:  :tromba: 
:festa:  :vetro: