Sai come gestire il carico sui tuoi piedi nello swing ?

Lo swing può realizzarsi grazie al fatto che i tuoi piedi sono ben ancorati al suolo e “chiudono la catena” a terra.

In questo senso è assimilabile  a molti altri sport che “swingano”. 

E completamente inutile misurare nello swing ciò che avviene nei distretti alti se non capiamo cosa succede nella base di appoggio, alla radice dello swing.

La gestione dei carichi sui due piedi e del baricentro sono quindi i dati in assoluto più importanti per comprendere il funzionamento del tuo swing.

Ecco che per costruire uno swing potente, efficace e ripetibile è necessario che il maestro si fidi non solo della sua (importantissima) visione soggettiva, ma che abbia a disposizione questi dati ESSENZIALI.

Tu, hai idea di come debbano essere gestiti i carichi sui due piedi nello swing?

E’ assurdo che oggi sull’argomento si sentano molteplici idee, filosofie, punti di vista personali, infatti stiamo parlando di un concetto fondamentale, paragonabile, ad esempio, all’importanza di portare il peso sullo sci “a valle” in una curva nello sci!!

Gli studi effettuati (ETPI) parlano chiaro è sono alla base del nostro concetto.

In generale nel backswing il trasferimento del peso corporeo si trasferirà verso dx (in un giocatore  destrimane) per poi ritrasferirsi verso sn nel downswing.

Il tutto deve seguire una ordinata e logica successione grazie a un movimento coordinato (in un corpo libero di muoversi nei suoi vari distretti).

Ecco che lo spostarsi troppo o troppo velocemente verso destra o verso sinistra sarà causa o effetto di varie inefficienze le cui cause sarranno da diagnosticare partendo dal corpo del giocatore.

 

Per informazioni ed approfondimenti:

GOLF BIOMECHANICS LAB
http://www.golfbiomechanicslab.com
Tel. +39 3356980715
Email    gbltorino@gmail.com

A proposito HoG Staff

HoG Staff

Leggi anche

VIDEO Seminario PGAI – Golfbiomechanicslab presentazione Donato di Ponziano

Ecco come ha aperto l'intervento Donato Di Ponziano al PGAI 2015 presso il Royal Park di Torino:

"Quello che abbiamo cercato di fare come PGAI è stato di introdurre nel nostro seminario un’evoluzione dei metodi di insegnamento insieme a degli elementi che potessero essere concreti e non troppo empirici.

E’ per questo motivo che abbiamo cercato di introdurre degli argomenti e delle informazioni che potessero essere legate strettamente a quello che noi facciamo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:chedicoafare:  :avvocato:  :cervello:  :pugnette:  :quoto:  :cart:  :bandiera:  :driver:  :ferro7:  :erba: 
:allenamento:  :applauso:  :auguri:  :baci:  :gogo:  :caldo:  :cappellino:  :ammicco:  :dimenticato:  :down: 
:up:  :fumo:  :adorazione:  :regole:  :P  :doc:  :nervoso:  :nono:  :cool:  :sguardo: 
:veggente:  :pericolo:  :petto:  :regalo:  :urlo:  :lol:  :ciao:  :)  :ko:  :tromba: 
:festa:  :vetro: