LA GIORNATA FINALE

sfruttando gli altrui errori e forte di un ottimo -6 di giornata, e nonostante il bogey alla 18 (pareva volesse arrivare per forza ai play-off!) Charl Schwartzel vince l'Africa Open chiudendo a -20 il torneo. Regola Aiken di un colpo, e Kruger di due. Aiken ha -di fatto- perso tutto alla 5^ buca: doppio bogey, non recuperato fino alla fine.  Kruger, lineare anche oggi, pur se nella sua peggiore performance,  ha confermato un positivo torneo. Trevor Francis jr, dopo tre splendide giornate, si deve accontentare del quarto posto: un doppio e tre bogey gli hanno fatto chiudere la giornata solo a -1. Insufficiente. I sudafricani -comunque- si riprendono (sono i primi quattro) il vertice del torneo.
Il  mio amico Clodomiro Carranza chiude 21°. Charamba 35°. Horne, Sterne e Clark finisco di rincalzo, non riuscendo -neppure oggi- a recuperare.

AFRICAN OPEN

LA GIORNATA FINALE

sfruttando gli altrui errori e forte di un ottimo -6 di giornata, e nonostante il bogey alla 18 (pareva volesse arrivare per forza ai play-off!) Charl Schwartzel vince l’Africa Open chiudendo a -20 il torneo. Regola Aiken di un colpo, e Kruger di due. Aiken ha -di fatto- perso tutto alla 5^ buca: doppio bogey, non recuperato fino alla fine.  Kruger, lineare anche oggi, pur se nella sua peggiore performance,  ha confermato un positivo torneo. Trevor Francis jr, dopo tre splendide giornate, si deve accontentare del quarto posto: un doppio e tre bogey gli hanno fatto chiudere la giornata solo a -1. Insufficiente. I sudafricani -comunque- si riprendono (sono i primi quattro) il vertice del torneo.
Il  mio amico Clodomiro Carranza chiude 21°. Charamba 35°. Horne, Sterne e Clark finisco di rincalzo, non riuscendo -neppure oggi- a recuperare.

LA TERZA GIORNATA

Laggiù, “nella valle degli impala” (mutuando il ritornello di una vecchia e strampalata canzone sanremese) … si perchè gli impala brucano il rought, come abbiamo potuto vedere dalle immagini televisive, si è appena conclusa la terza giornata dell’Africa Open. Giornata dominata dal vento, che ha condizionato non poco l’andamento della gara ed il comportamento in pista di alcuni concorrenti.

Trevor Francis jr conferma la leadership del torneo, nonostante una giornata non eccezionale soprattutto nelle prime nove, ed è affiancato al vertice -16 sotto il par- da Aiken, che conferma la propria linearità di risultati. Entrambi molto bene sui green,  addirittura 22 per Francis jr. Malino Sjoland, che avendo sbagliato parecchio, con -2 di giornata scende in 18° posizione.

Qualcosa si muove da dietro, ed emerge Jbè Kruger, che con -15 sul  torneo e -6 di giornata, chiude il terzo giorno da solo in terza posizione.

Altri nomi? Schwartzel, che perde il vertice e, con -5 di giornata, si piazza 4°  a -14, insieme a Ross (oggi -6).  Malino anche Horne ed Edberg, che scendono parecchio in classifica. Sterne, in par oggi, resta a -9.

Due citazioni finali: Charamba (chi è costui?) che chiude a -12 con -5 oggi e Clodomiro Carranza (che potrebbe essere un personaggio di Zorro!!) che  oggi, con – 6, si porta in alto, a -11. E pensare che il -5 di ieri gli  ha appena permesso di superare il taglio!

LA SECONDA GIORNATA

nel magnifico contesto dell’East London GC, dotato di naturalistiche bellezze rare a vedersi, e piacevolmente arricchito di suoni naturali e delle apparizioni di piccoli primati, si è appena conclusa la seconda giornata dell’Africa Open, che conferma Trevor Francis jr in testa alla classifica a -14, dopo un ulteriore 7 under di giornata! E’ rimasto l’unico in testa del quartetto di ieri: Sjioland ha ottimamente chiuso il secondo giro a -6 e con un -13 totale occupa la seconda piazza. Terzi, a pari merito, un Thomas Aiken che conferma il buon -6 di ieri e con il connazionale Keith Horne, si piazza sul terzo gradino del podio a -12.

Domani il terzo turno, che non vedrà alcun nostro rappresentante, in quanto il buon Gagli è fuori dal taglio. Ha chiuso a -1 di giornata, quindi in par sul torneo. Ma il risultato più basso ammesso al w/end è ben -5! Quindi nulla da fare, così come per Canizares e Lorenzo Vera, solo per citare un paio di grossi nomi esclusi.

 

 

LA PRIMA GIORNATA

Si è aperta oggi la prima giornata dell’Open sudafricano, che fa parte del Sunshine Tour, con un monte premi di 1 milione di euro e Retief Goosen (peraltro assente) come detentore dell’ultimo trofeo. Si svolge all’East London Golf CLub, uno dei più vecchi circoli sudafricani definito links/parkland, che ha ospitato altre otto edizioni dell’open dagli inizi del ‘900.

Con 7 colpi sotto il par, guidano la classifica Sterne ed altri tre, meno noti, concorrenti:  Trevor Fisher jr, Titch Moore e Patrik Sjoland. La classifica è molto fluida, basti pensare che la 69° posizione è detenuta da chi ha realizzato 2 colpi sotto (ben 21 giocatori). Il nostro unico competitore è il giovane Gagli, che ha chiuso a +1 e “veleggia” in 128à posizione! Dovrà compiere un grande gesto atletico per recuperare terreno e superare il taglio di domani! Ma la struttura della classifica potrebbe consentirglielo se lui piazzerà un buon risultato. Ma dovrà metterci la massima applicazione.

A proposito pino fasulo

Pinaz54

Leggi anche

PGA Tour Arnold Palmer Invitational – Putt caldo, Hole in One e Francesco Molinari si porta a casa il torneo

Francesco Molinari riparte come aveva finito il 2018 vincendo tutto, il torinese si è aggiudicato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:chedicoafare:  :avvocato:  :cervello:  :pugnette:  :quoto:  :cart:  :bandiera:  :driver:  :ferro7:  :erba: 
:allenamento:  :applauso:  :auguri:  :baci:  :gogo:  :caldo:  :cappellino:  :ammicco:  :dimenticato:  :down: 
:up:  :fumo:  :adorazione:  :regole:  :P  :doc:  :nervoso:  :nono:  :cool:  :sguardo: 
:veggente:  :pericolo:  :petto:  :regalo:  :urlo:  :lol:  :ciao:  :)  :ko:  :tromba: 
:festa:  :vetro: