Home / Tornei / Tornei di Golf / Augusta: sorpresa Immelman Woods progetta la rimonta

Dopo due giri, il sudafricano guida a -8 con un colpo di vantaggio sull’americano Brandt Snedeker. Il campione statunitense non si dà per vinto e conta di dar vita alla seconda più grande risalita della storia del torneo: "Qui si vince con la pazienza"

Della coppia di testa del primo round, dopo due giri, è rimasto al comando da solo il sudafricano Trevor Immelman, che ha bissato il 68 (4 sotto al par) delle prime 18 buche. Così adesso guida a -8 con un colpo di vantaggio sull’americano Brandt Snedeker.

Augusta: sorpresa Immelman Woods progetta la rimonta

Dopo due giri, il sudafricano guida a -8 con un colpo di vantaggio sull’americano Brandt Snedeker. Il campione statunitense non si dà per vinto e conta di dar vita alla seconda più grande risalita della storia del torneo: “Qui si vince con la pazienza”

Della coppia di testa del primo round, dopo due giri, è rimasto al comando da solo il sudafricano Trevor Immelman, che ha bissato il 68 (4 sotto al par) delle prime 18 buche. Così adesso guida a -8 con un colpo di vantaggio sull’americano Brandt Snedeker.

 

Ben fatto, soprattutto perché Immelman, fino a dicembre, era ancora su un lettino di ospedale dopo che i dottori gli avevano estratto un tumore, per fortuna risultato benigno, al diaframma e perché quest’anno non si era mai piazzato meglio del 40° posto. Era sbalordito anche lui, in particolare per avere un vantaggio di sette colpi su Tiger Woods.

La Tigre, infatti, disturbata da un po’ di vento levatosi nel pomeriggio, non ha avuto vita facile: ha chiuso in 71 colpi, 143 totali per le due giornate, cioè a -1 nella generale con dodici avversari davanti. Ora vincere il suo 5° Masters, 14° torneo dello Slam, non sarà semplice.

RIMONTA – Per riuscirci, dovrebbe organizzare la seconda più grande rimonta della storia del torneo. Ma lui non si dà per vinto, anzi: “Sono in ottima posizione”, dice, forse fra i pochi a pensarlo. “Ovvio, sono a meno sette dal leader e da qui in avanti dovrò giocare molto bene. Ma ad Augusta si vince con la pazienza”. Anche se in certe buche, in cui le cose non gli sono andate bene, Tiger la pazienza l’ha persa eccome.

Il suo capolavoro di giornata è arrivato alla 18ª: ha sbagliato il secondo colpo finendo nel fairway adiacente, quello della 10, ma ha rimediato con un approccio alla cieca che lo ha messo vicinissimo alla buca e al par. Avesse sbagliato avrebbe compromesso seriamente le sue già esigue chance di vittoria.

In ottima posizione appare il suo rivale numero uno, Phil Mickelson, terzo a -5 insieme a Flesh. Sono in molti adesso a sussurrare il nome del mancino americano come vincitore domenica: sarebbe la sua terza giacchetta verde.

Fonte articolo La Gazzetta

A proposito HoG Staff

HoG Staff

Leggi anche

PGA Tour Arnold Palmer Invitational – Putt caldo, Hole in One e Francesco Molinari si porta a casa il torneo

Francesco Molinari riparte come aveva finito il 2018 vincendo tutto, il torinese si è aggiudicato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:chedicoafare:  :avvocato:  :cervello:  :pugnette:  :quoto:  :cart:  :bandiera:  :driver:  :ferro7:  :erba: 
:allenamento:  :applauso:  :auguri:  :baci:  :gogo:  :caldo:  :cappellino:  :ammicco:  :dimenticato:  :down: 
:up:  :fumo:  :adorazione:  :regole:  :P  :doc:  :nervoso:  :nono:  :cool:  :sguardo: 
:veggente:  :pericolo:  :petto:  :regalo:  :urlo:  :lol:  :ciao:  :)  :ko:  :tromba: 
:festa:  :vetro: