L'avevamo preannunciato che il SAS Master avrebbe visto un'italiana sul podio, e così è stato, ma con una sorpresa in più perchè a vincere questa tappa del LET è stata Diana Luna, già vincitrice in settimana nel Tour Europeo,  con questa vittoria l’ingresso nelle prime 5 posizioni che per ranking permettono di far parte della squadra di Solheim Cup (la sfida Usa-Europa).

E' un momento di grande golf per Diana Luna che anche in Norvegia è arrivata al successo vincendo Sas Ladies Masters con un punteggio di -12 (67 70 70), un trionfo a solo una settimana dalla vittoria all’Irish Open, in Irlanda. L’impresa è storica perché mai una giocatrice italiana aveva vinto due gare consecutive sul circuito europeo.

LET SAS Master – Diana Luna vince in rimonta

L’avevamo preannunciato che il SAS Master avrebbe visto un’italiana sul podio, e così è stato, ma con una sorpresa in più perchè a vincere questa tappa del LET è stata Diana Luna, già vincitrice in settimana nel Tour Europeo,  con questa vittoria l’ingresso nelle prime 5 posizioni che per ranking permettono di far parte della squadra di Solheim Cup (la sfida Usa-Europa).

E’ un momento di grande golf per Diana Luna che anche in Norvegia è arrivata al successo vincendo Sas Ladies Masters con un punteggio di -12 (67 70 70), un trionfo a solo una settimana dalla vittoria all’Irish Open, in Irlanda. L’impresa è storica perché mai una giocatrice italiana aveva vinto due gare consecutive sul circuito europeo.

 

Da un punteggio di -9 in terza posizione, e con Veronica Zorzi davanti a -12 la partenza era in salita ma Diana con un eagle alla 9 (due colpi sotto il par della buca) prendeva il comando, la Zorzi non brillava come nelle altre giornate e anche la Sorensen non teneva il passo. La rimonta di Diana continua buca dopo buca, tenendo testa a tutte le altre proette che volevano aggiudicarsi il titolo, Veronica Zorzi invece scivolava in classifica ma con un eagle alla 17 recupera posizioni, all’ultima buca del percorso la 18 aveva tre possibilità: con un par avrebbe perso, classificandosi comunque seconda, con un birdie sarebbe andata allo spareggio e con un eagle avrebbe vinto.

La tensione non ha di certo aiutato la Zorzi nel gioco e ha concluso il torneo con un bogey (un colpo sopra il par) che l’ha fatta scivolare al terzo posto (-10, 66 68 75). Comunque un risultato importante, che dà ancora più valore alla vittoria di Diana e conferma lo straordinario momento del golf italiano, che anche in questa stagione ha già portato in bacheca 8 trofei.

A fine gara con la vittoria in tasca Diana Luna ha detto:

“felice e confusa” — “Sono veramente contenta, anche se ancora un pò confusa per la stanchezza”. Diana Luna è ovviamente raggiante dopo il trionfo: “Adesso potrò fermarmi per una settimana, tornare a Cannes dove mi aspetta mio marito che in questi giorni mi è stato molto vicino. Che bello vedere la bandiera italiana alla premiazione, mancava solo l’inno ma è stata comunque una grande emozione. L’Italia sta dimostrando di essere molto valida dal punto di vista tecnico e sono orgogliosa che ciò possa accadere anche grazie ai miei risultati”.

A proposito HoG Staff

HoG Staff

Leggi anche

PGA Tour Arnold Palmer Invitational – Putt caldo, Hole in One e Francesco Molinari si porta a casa il torneo

Francesco Molinari riparte come aveva finito il 2018 vincendo tutto, il torinese si è aggiudicato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

:chedicoafare:  :avvocato:  :cervello:  :pugnette:  :quoto:  :cart:  :bandiera:  :driver:  :ferro7:  :erba: 
:allenamento:  :applauso:  :auguri:  :baci:  :gogo:  :caldo:  :cappellino:  :ammicco:  :dimenticato:  :down: 
:up:  :fumo:  :adorazione:  :regole:  :P  :doc:  :nervoso:  :nono:  :cool:  :sguardo: 
:veggente:  :pericolo:  :petto:  :regalo:  :urlo:  :lol:  :ciao:  :)  :ko:  :tromba: 
:festa:  :vetro: