Omega Mission Hills World Cup

Dal 24 al 27 novembre si svolge l’Omega Mission Hills World Cup sul percorso del Mission Hills Resort nella località di Hainan Island, un’isola splendida nel mare tropicale Cinese Meridionale, sempre in un complesso del Mission Hills Group.


Il torneo, divenuto a cadenza biennale, è stato appannaggio nel 2009 di Edoardo e Francesco Molinari con lo score di 259 (29 sotto par) con cui superarono per un colpo i nordirlandesi Graeme McDowell e Rory McIlroy e gli svedesi Robert Karlsson ed Henrik Stenson, campioni uscenti, al Mission Hills GC di Shenzhen.

Le nazioni ammesse sono 28, ed i Molinari ritroveranno McDowell e McIrloy, così come Karlsson e Alexander Noren, al posto di Stenson. Tra i favoriti il Sudafrica (Louis Oosthuizen, Charl Schwartzel), la Spagna (Miguel Angel Jimenez, Alvaro Quiros), l’Inghilterra (Ian Poulter, Justin Rose), la Germania (Martin Kaymer, Alex Cejka).

 

La Danimarca ha perso all’ultimo momento Thomas Bjorn per infortunio, sostituito da Thorbjorn Olesen in coppia con Anders Hansen.
Tra le altre formazioni la Francia (Raphael Jacquelin, Gregory Bourdy), il Giappone (Tetsuji Hiratsuka, Yuta Ikeda), l’Australia (Brendan Jones, Richard Green), l’Olanda (Robert-Jan Derksen, Joost Luiten) e gli Stati Uniti (Matt Kuchar, Gary Woodland).
I due torinesi non saranno i soli fratelli in campo: infatti la Colombia schiererà Camilo e Manuel Villegas e il Portogallo Hugo e Ricardo Santos.

 

Si gioca sulla distanza di 72 buche, con formula fourballs nel primo e terzo giro, e con formula foursome nel secondo e nel quarto.
Il montepremi è di 7.500.000 dollari con prima moneta di 2.400.000 dollari per la coppia vincitrice.

John Jay Hopkins, un industriale canadese, ha iniziato la World Cup di Golf nel 1953 per promuovere la buona volontà tra le nazioni attraverso il golf. Inizialmente chiamata Canada Cup, è diventata World Cup nel 1967.

Nel pomeriggio di mercoledì ha preso il via la cerimonia di apertura, dove mezzi di comunicazione, ospiti e rappresentanti hanno accolto con favore le 28 nazioni partecipanti.
La cerimonia è iniziata con uno spettacolo di ballerini cinesi e poi sono stati introdotti i giocatori con enormi bandiere di ogni paese in competizione.

George O’Grady, amministratore delegato dell’European Tour, ha detto: “Congratulazioni a tutte le 28 nazioni presenti oggi. La diversità di questo campo è testimonianza di John Jay Hopkins, che ha fondato il torneo, e auguriamo loro ogni fortuna questa settimana. “



Francesco Molinari ha fatto un breve discorso a nome di tutte le nazioni concorrenti. Francesco, insieme al fratello Edoardo, ha vinto il titolo per l’Italia nel 2009, l’ultima volta che l’evento è stato organizzato.

Questa è la quinta volta che la World Cup viene disputata in un complesso del Mission Hills Group, quattro volte in precedenza a Shenzen, in Cina, e quest’anno a Hainan, nel Mar Cinese Meridionale.

O’Grady ha reso omaggio al Dott. David Chu, il fondatore di Mission Hills, morto quest’anno, lasciando l’eredità del Mission Hills nelle mani dei suoi due figli, Ken e Tenniel.
La cerimonia si è conclusa con uno spettacolo pirotecnico che ha illuminato i cieli notturni di Hainan Island.

 

Forza ragazzi… fateci sognare!!!

A proposito Gian Luigi Crocioni

Giagio

Leggi anche

PGA Tour Arnold Palmer Invitational – Putt caldo, Hole in One e Francesco Molinari si porta a casa il torneo

Francesco Molinari riparte come aveva finito il 2018 vincendo tutto, il torinese si è aggiudicato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:chedicoafare:  :avvocato:  :cervello:  :pugnette:  :quoto:  :cart:  :bandiera:  :driver:  :ferro7:  :erba: 
:allenamento:  :applauso:  :auguri:  :baci:  :gogo:  :caldo:  :cappellino:  :ammicco:  :dimenticato:  :down: 
:up:  :fumo:  :adorazione:  :regole:  :P  :doc:  :nervoso:  :nono:  :cool:  :sguardo: 
:veggente:  :pericolo:  :petto:  :regalo:  :urlo:  :lol:  :ciao:  :)  :ko:  :tromba: 
:festa:  :vetro: