Home / Viaggi di Golf / Viaggi Estero / Tunisia mare e golf low cost
Tunisia Golf e Turismo low cost

Tunisia mare e golf low cost

Tunisia Golf e Turismo low costCittà millenarie, medine e souk dove puoi trovare di tutto, spiagge assolate anche in inverno il tutto a poca distanza dall’Italia sul Mediterraneo, siamo in Tunisia, dove il deserto incontra colline verdeggianti e il golf è in rapida crescita, la nostra meta di oggi è quindi la Tunisia e il golf low cost.

La Tunisia dista dal Nord d’Italia circa due ore di volo, l’ideale quindi anche per un weekend lungo o una toccata e fuga di relax, golf e mare a basso costo magri fuori stagione.

Meta ideale per chi vuole giocare a golf anche durante l’inverno, tuttavia la vostra settimana in Tunisia si potrebbe concentrare non solo sul golf e sul mare ma anche sul turismo, con le sue città millenarie e la sua storia antica la Tunisia permette anche di scoprire luoghi ricchi di fascino.

Partiamo dalla capitale, Tunisi città ormai moderna, che conserva alcuni richiami alla sua storia antica con la Medina in parte coperta e la Moschea di Zitouna che si raggiunge girando per il souk, l’immenso museo del Bardo posto all’interno della seicentesca residenza dei Bey Husseniti, poco distante l’antica città di Cartagine affacciata sul mare, altro punto spettacolare è la collina di Byrsa da cui si può ammirare uno spendido paesaggio sugli scavi archeologici e sul blu del golf di Tunisi.

La Medina di Tunisi, fu per circa mille anni il cuore della città, con le sue case strette e le viuzze ricche di vita e di commercio oggi si è trasformato in una zona più turistica dedicata alla vendita di souvenir e prodotti locali, dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Umanità, girando per i suoi vicoli si raggiunge invece la Moschea di Zitouna, conosciuta anche come la Grande Moschea o Moschea dell’Ulivo è posta al centro della Medina ed è l’unica che i non musulmani possono visitare (orario 8.00 – 12.00).

Golf CarthageSe siete a Tunisi potreste andare a giocare al Golf di Carthage (www.golfcarthage.com) che si trova a La Soukra Ariana, campo nato nel 1926 come campo statale divenne poi club di soci, il vecchio percorso fu disegnato da Yves Bureau e si sviluppa su un terreno di soli 30 ettari, un campo corto che presenta infatti 6 par 3 e 12 par 4, non molto tecnico.

Se invece siete in zona aeroporto di Tunisi allora vi consigliamo una visita la The Residence Golf Course (www.theresidence.com) situato a soli 15 minuti dall’aeroporto è un campo a 18 buche par 72 di 6405 metri, l’architetto questa volta è Trent Jones Jr che ha saputo plasmare il terreno a disposizione creando un campo tecnico reso difficile anche dalla presenza degli ostacoli d’acuqa numerosi ma allo stesso tempo spettacolare con le viste sul mare e i laghi salati.

Scendendo più a sud troviamo il golfo di Hammamet, ottima località turistica anche per l’estate con tante strutture ricettive, buoni campi da golf ed invitanti escursioni, quando vi sarete “rosolati” al sole sulle bianche spiagge tunisine vi consigliamo di addentrarvi per scoprire il paesaggio interno, sarete stupiti dalla somiglianza del paesaggio con le nostre colline del centro italia, la presenza di lunghi filari di cipressi, macchie di pini, acacie e querce, la presenza di moltissimi ulivi contrastano con le case bianche abbaglianti, tipiche di questa terra.

Se soggiornate ad Hammamet non potete farvi scappare la visita ai due golf club della città, lo Yasmine Golf Course (www.golfyasmine.com) situato nell’entroterra di Hammamet, offre numerosi scorsi vista mare, disegnato da Ronald Fream risulta un campo non troppo difficile.

Yasmine Golf ClubSe invece volete un campo più impegnativo allora potete virare verso il vicino Golf Cytrus (www.golfcitrus.com) che mette a disposizione ben due percorsi La Foret un 18 buche par 72 di 6.066 metri o Les Oliviers sempre un 18 buche par 72 leggermente più lungo, 6.106 metri, a disposizione anche 9 buche executive.
Entrambi i campi disegnati da Ronald Fream sono più impegnativi del precendete, se cercate una campo difficile allora La Foret è quello che fa per voi, più tranquillo invece Les Oliviers, in entrambi i campi si rispira aria di natura, le resine dei ginepri vi accompagneranno in un piacevole giro del campo buca dopo buca.

Non lontano possiamo trovare la città di Kairouan, una delle sette città sante dell’Islam, anche la medina di questa città merita una visita e se avete tempo anche una contrattazione potreste portarvi a casa un magnifico tappeto, prodotti da millenni in questa località.

Altra zona interessante scendendo verso sud è l’isola di Djerba, da qua è possibile raggiungere l’oasi di Tamerza al confine con l’Algeria, il deserto offre un’esperienza unica con colori e paesaggi inusuali che vi lascerà incantati.

Se siete sull’isola il percorso golfistico di riferimento è il Djerba Golf Club (www.djerbagolf.com) che offre un percorso da 18 buche e uno da 9 rispettivamente par 73 e par 36, disegnati da Martin Hawtree, è un campo molto piacevole che è caratterizzato dalla presenza di palme lungo il percorso, non risulta particolarmente difficile e per tanto è adatto anche a giocatori di handicap più alto.

Da non dimenticare altre località storiche come Matmata e le sue case troglodite, o Tataouine e le sue costruzioni a cupola che diedero spunto all’ideazione dell’omonimo pianeta della saga di Guerre Stellari, infatti è possibile anche visitare alcuni set dove fu realizzato il film.

Tozeur Oasis Golf ClubAltra città da non perdere nel vostro tour della Tunisia è Tozeur, oggi moderna cittadina turistica dotata anche di aeroporto, ma la sua storia è visibile spostandosi poco fuori dalla città moderna verso l’oasi di Tamerza per immergersi in un’epoca lontana e completamente diversa da quella attuale. Potrete gustare i Deglet Nour, i migliori datteri del mondo, anche in questa zona è possibile vedere zone che hanno fatto da sfondo al film Il paziente inglese, riconoscerete le sorgenti ai piedi dei Monti Tebessa che formano laghetti e canyon.

Se visitate Tozeur dovete inserire nel vostro tour un po di tempo per fare una scappata al Golf Oasis (www.tozeuroasisgolf.com) un 18 buche par 72, sempre realizzato da Ronald Fream che ha saputo inserire in modo esemplare le buche lungo il canyon naturale che attraversa il campo, si trova infatti in mezzo al deserto ma il verde, le palme e ben 4 specchi d’acqua non mancano a rendere spettacolare questo campo che merita veramente una visita. I fairway si presentano dislivelli modesti mentre i green sono molto grandi attenti però ai bunker protettivi.

Se invece scendiamo più a sud troviamo ancora i golf di Port El Kantaoui, il El Kantaoui Golf Course (www.portelkantaoui.com.tn) presenta due percorsi il Sea Course un 18 buche par 73 da campionato e il Panorama Course smepre 18 buche par 72 sempre progettati da Ronald Fream, il primo richiede maggior impegno e capacità tecnica il secondo è invece un campo più spettacolare complice anche la sua posizione su una altura a ridosso della città di Sousse e del mare, offrendo quindi scorsi mozzafiato.

Parlavamo di low cost, le strutture in questa zona sono più economiche di quelle italiane, vi consigliamo però di non puntare a strutture con 3 stelle infatti l’assegnazione delle stelle per le strutture è leggermente diversa dalla nostra quindi vi consigliamo strutture da 4 stelle anche per via del mangiare, per quanto riguarda invece il volo sopratutto nel periodo estivo sono presenti molti voli charter che vi portano in Tunisia con un’ottimo prezzo partendo da Milano, Roma, Palermo.

Per il trasporto della sacca da golf fino a 15 kg ogni compagnia applica le proprie tariffe, la Tunisair offre il servizio gratuitamente ma è consigliabile verificarlo ogni volta perchè queste cose cambiano molto a seconda del periodo e del tipo di volo.

Non vi resta quindi che preparare i bagagli, prenotare il vostro volo e la struttura e divertirvi nella calda Tunisia!!!

{gallery}viaggigolf/tunisia{/gallery}

A proposito HoG Staff

HoG Staff

Leggi anche

Punta Cana una vacanza a base di golf, mare e divertimento

Punta Cana è la punta più orientale della Repubblica Dominicana, un angolo di paradiso per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:chedicoafare:  :avvocato:  :cervello:  :pugnette:  :quoto:  :cart:  :bandiera:  :driver:  :ferro7:  :erba: 
:allenamento:  :applauso:  :auguri:  :baci:  :gogo:  :caldo:  :cappellino:  :ammicco:  :dimenticato:  :down: 
:up:  :fumo:  :adorazione:  :regole:  :P  :doc:  :nervoso:  :nono:  :cool:  :sguardo: 
:veggente:  :pericolo:  :petto:  :regalo:  :urlo:  :lol:  :ciao:  :)  :ko:  :tromba: 
:festa:  :vetro: